Passa ai contenuti principali

Macho I 2.6.7


La conseguenza principale sugli uomini del nascere in una società misogina è quella di avere il dovere di non confondersi mai con il nemico sottoposto, con il male assoluto identificato nel femminile: mentre una donna che si fa spazio nel mondo maschile è frustrata per la sufficienza con cui viene trattata, per la sfiducia e la supponenza dei maschi, ma viene spesso incoraggiata dalle sue omosessuali, a un uomo l'esplorazione dell'universo femminile, sia come immaginario passivo che come esplorazione del sè donna, è totalmente precluso ed è motivo di esclusione dal gruppo di simili. Così, rendendo inaccessibile la propria intimità femminile con l'invenzione prima e la persecuzione poi dell'omoerotismo, si è venuto a creare il peggior tipo umano occidentale: il macho.
Per «machismo» intendo una figura, un modello di comportamento, un modo di vivere e comportarsi, che comprende una lunga serie di caratteristiche: il piacere come possesso, la competizione continua, l'amicizia sterile e virile, la repressione della dolcezza e dell'intimità sensuale e sentimentale, il divieto della fragilità e la sessualità superficiale, brutale e visiva che vive il proprio organo riproduttivo come qualcosa di esterno e dotato di un'esistenza propria. E ancora, l'imposizione della produttività e dell'attivismo, della sicurezza e dell'insensibilità, l'arroganza sistematica e infondata, il narcisismo compulsivo e l'idiota ottusità culturista. Il macho è colui che crede alla menzogna dell'integrità sessuale, come se si potesse essere totalmente maschi e come se fosse anche solo definibile qualcosa in termini di assolutamente maschile.
Lo spogliatoio maschile è il regno e la culla del machismo: il cameratismo si mischia qui alla nudità competitiva nei meri termini della dimensione e il discorso si struttura intorno alla misoginia e all'omofobia. Il branco maschile si fa coeso nell'insulto al capro espiatorio, femmina o maschio che “tradisce” mischiandosi col “nemico”. L'ideologia del macho è la prigione di ogni uomo che lo spinge a negare e fingere, a reprimere e dissimulare aderendo a una macchietta ridicola che tratteggia un maschio puro e ideale, tanto falso quanto influente.
L'esempio massimo di questa castrazione e del suo contenuto ideologico, cioè dell'idea che si applica alla realtà corporale in modo così profondo da modificare la percezione fisiologica e tattile di sé, è data dalla stimolazione prostatica. È questa una delle zone erogene più potenti dell'uomo, ma ha subìto, dal cattolicesimo in poi, una censura lungo due linee ideologiche parallele. Da un lato attribuire all'uomo la funzione di penetrare, e quindi simbolicamente di conquistare, ferire, entrare, invadere e così via, non ammette la possibilità che egli riceva e accolga. Dall'altro si è assegnata questa funzione ricettiva al corpo femminile e la si è connessa all'inferiorità, alla sottomissione, alla postura, quella carponi, inammissibile per l'uomo, votato al dominio e alla sopraffazione, riflesso di dio e del sovrano, del potere che non si abbassa mai al livello dei dominati, tantomeno sotto di loro.
Tutto questo è avvenuto nel quadro di una limitazione del piacere tanto radicale da far dimenticare, nel giro di qualche secolo, un'intera zona del godimento. Scordarsi la propria geografia erotica e privarsi di un'intera dimensione del piacere, di un'intera metà della propria soddisfazione, per ridursi al proprio membro simbolizzato. Questa deficienza fisiologica è causata da un'invasione ideologica nel corpo maschile che dà un'identità e attribuisce un universo simbolico al pene mentre lo stilizza e lo mozza#.


Commenti

Post popolari in questo blog

Madre Teresa II XVI

Madre Teresa di Calcutta è un caso emblematico del modo di agire della morale, del doppiopesismo razzista dell'opinione pubblica in ambito religioso e di come sia facile strumentalizzare un messaggio positivo e rovesciarlo nei fatti nel suo diretto opposto#.
Abbiamo qui alcuni tratti chiave della morale: la paura del dolore che paralizza, la riduzione del singolo a vittima, la fuga dalle responsabilità da parte di chi potrebbe fare qualcosa e il mascheramento di queste responsabilità tramite un palliativo retorico e conservatore. Anjezë Bojaxhiu era una fondamentalista religiosa, un'attivista estremista, una predicatrice collusa coi tiranni e un'approfittatrice che nascondeva il proprio sistematico agire contro gli ultimi sotto una maschera di segno opposto.
Per lei il dogma valeva più delle persone e andava applicato anche a scapito di quelle. Perciò battezzò di nascosto i moribondi, si oppose alla legge contro la conversione coatta e lottò contro l'aborto, la contracce…

Monologo I XVI

Ero al bancone già da un po', seduta su uno sgabello che cercavo di restare attenta mentre una sfilza di battutisti si alternava sul piccolo palco. La platea semibuia si componeva di una ventina di tavolini rotondi, occupati da decerebrati coi denti di fuori. Avrebbero riso a qualunque idiozia e infatti, acefali, si lasciavano andare a ogni pausa dell'oratore, come per un impulso fisiologico: ridevano quando credevano si dovesse ridere e sembravano venuti apposta per quello. Erano sordi allegri.
E dal palco ancora nessuna satira o almeno provocazione, nessun pensiero né utilità, ma soltanto elenchi di simpatici luoghi comuni adatti a qualche pagina de La settimana enigmistica o di Topolino. Pensavo di andarmene.
«E ora, signore e signori, Giorgio Giardina»
Il palco si fece buio e il nuovo entrato venne puntato dall'occhio di bue.
«Questo sarà un monologo sulla sessualità rivolto ai maschi, da maschio per maschi e da cazzo per cazzi. E quindi mi rivolgo a voi, schiavi. Sì perch…

Mafia II XII

La parola camorra si pensa derivi da “capo della morra”, cioè colui che gestiva il gioco della morra per strada evitando che degenerasse in violenza. In ogni caso, anche per le altre tre mafie, cosa nostra, 'ndrangheta e sacra corona unita, l'origine della figura del mafioso sembra essere in questo ruolo di mediazione terza per la soluzione dei conflitti. L'onorabilità e la rispettabilità sono quindi le prime cose che vengono riconosciute al mafioso, a cui è attribuita l'autorità di fare da giudice nelle più svariate questioni.
Intrecciata all'autorevolezza sta una delle caratteristiche e dei punti di forza cardinali di ogni mafia: il controllo del territorio. Le mafie controllano lo spazio in modo capillare, strada per strada, monte per monte, valle per valle. Sanno chi entra e chi esce, dove sono i nascondigli e dove i luoghi per gli agguati, chi lavora, dove e gli orari che fa. La 'ndrangheta, ad esempio, si organizza in famiglie legate al territorio suddiv…

L'oca indiana I XXIII

Mi svegliai la mattina di domenica sudato e sconvolto, accanto a Rebecca. Era il mio intenso amore da qualche tempo e quella notte aveva deciso di restare da me a dormire. Lei non si era svegliata quando io aprii gli occhi, ancora agitato per il sogno appena fatto. Fino a pochi secondi prima avevo visto volare verso di me un uccello con il corpo grigio. Aveva la testa bianca con due spennellate di nero e le sue ali dispiegate avevano anch'esse le ultime piume colorate di nero. Mi volava incontro placido e aggressivo insieme, come un ammonimento divino, come un comandamento d'amore. Mi era rimasta la sensazione che avessi qualcosa da fare, qualcosa di impellente e meraviglioso, e avevo aperto gli occhi con in testa due parole: «oca indiana».
Non feci colazione, ma lasciai soltanto un biglietto per Rebecca chiedendole scusa per la mia fuga, ma dovevo fare qualcosa che avevo la sensazione sarebbe stata anche per lei, indirettamente. Salii in auto e mi misi alla ricerca dell'oca…

Rivoluzione -parte1- II 7.6

7.6.1 Caratteri
La rivoluzione parte da un'urgenza, da una sofferenza, da un'impellenza. Quando un'ampia fetta del corpo comune si sente vittima di un sopruso, già si cova la rivolta e si concepisce la rivoluzione. E la violenza che si accompagna alla rivoluzione non è riducibile all'istinto criminale e sadico, ma è spesso il risultato di un ragionamento lungo e sofferto, è l'ultima ratio dopo aver provato ogni altra via e a volte è addirittura il male minore#. Perché l'idea che sta alla base della rivoluzione è che il rimedio sarà crudele, ma la malattia lo è di più#. E la malattia che rende necessaria la rivoluzione è il fatto che qualcuno sia negro, dove la negritudine non è un tratto biologico, ma una condizione di vita. Balotelli non è negro, negro è chi subisce le violenze e resta escluso da ogni discorso, anche quello che viene fatto su di lui#.
Negri non si nasce. Negro è chi è relegato ai margini e subisce oppressioni di ogni sorta, è il discriminato e …